Home > BANCA E ASSICURAZIONI > Diamanti: dopo la sanzione Antitrust e le iniziative di Federconsumatori Intesa Sanpaolo decide di rimborsare i risparmiatori.

Diamanti: dopo la sanzione Antitrust e le iniziative di Federconsumatori Intesa Sanpaolo decide di rimborsare i risparmiatori.

Dopo la sanzione Antitrust e le iniziative di Federconsumatori, Intesa Sanpaolo decide di rimborsare i risparmiatori. In serata è giunta la buona notizia: “Intesa Sanpaolo si è resa disponibile a soddisfare, al prezzo di vendita, tutte le richieste di rivendita di diamanti comprati presso i suoi sportelli dal broker Diamond Private Investment (Dpi) nel caso lo stesso broker non riesca a ricollocarli sul mercato.”

Un risultato estremamente importante per i cittadini coinvolti, che sono stati indotti ad un investimento “sicuro e garantito”, in presenza anche dei consulenti della propria banca. Oggi questi diamanti hanno valori fortemente svalutati e non riesce neanche a venderli sul mercato.

Ci auguriamo che tutti gli istituti coinvolti seguano questo “ottimo” esempio, a tutela dei propri clienti, per garantire lealtà e trasparenza, nonché per ristabilire un clima di fiducia verso le banche ed il sistema finanziario.

Invitiamo tutti i cittadini interessati a rivolgersi agli sportelli della Federconsumatori per ricevere l’assistenza del caso, anche i clienti di Intesa Sanpaolo saranno assistiti, per favorire una corretta e trasparente procedura di vendita dei diamanti acquistati, così come garantito dall’istituto. Riteniamo, in tal senso, sia compito della banca avvisare la propria clientela circa la possibilità di rientrare in possesso dei capitali investiti in diamanti.

You may also like
TLC: L’Antitrust, intervenuta su nostra segnalazione, adotta una sospensione cautelare degli aumenti, impone agli operatori di definire autonomamente la propria offerta di servizi.
Fibra: bene la multa dell’Antitrust contro TIM per la pubblicità scorretta e parziale agli utenti. Garantire a tutti i cittadini le medesime opportunità di connessione.
Trasporti: Ryanair non consente di richiedere il rimborso per ritardo attraverso il sito ufficiale. Necessario l’intervento delle Autorità competenti per tutelare i diritti dei viaggiatori.
Fatturazione a 28 giorni: assurda l’ipotesi di fatturazione “a due velocità”. Se il Governo non invertirà la rotta ricorreremo all’Antitrust.

Leave a Reply